Aggressività e distanze

La nostra non è sicuramente una squadra fallosa, non lo è per il modo di giocare, non lo è per le caratteristiche dei giocatori. Va bene così, questo non vuol dire che non si debba essere una squadra aggressiva, tra l’aggressività e la cattiveria c’è una differenza notevole. Dobbiamo crescere a livello di aggressività, perché possiamo fare ancora meglio, però non è solo un problema di aggressività è un problema che fra un settore e l’altro perdiamo un po’ le distanze e quindi la distanza da coprire per andare in pressione diventa un po’ troppo lunga e rischiamo di arrivare con quella frazione di secondo di ritardo, però stiamo facendo dei passi in avanti. L’unica preoccupazione è non ricadere nei passaggi a vuoto, come abbiamo fatto a Bologna. Questo non vuol dire chiaramente che da qui alla fine non perderemo più, ma dobbiamo perdere sul campo quando perdiamo.

Intervista a LSR post Lazio-Marsiglia 21 ottobre 2021

Condividi questo post